Quick Menu di navigazione :

  1. Vai al contenuto
  2. Vai alla sezione del menu principale
  3. Vai al motore di ricerca
  4. Vai al menu di aiuto
  5. Vai alla banner
  6. Vai alla lista di scorciatoie

Informativa: Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookieclicca qui . Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.Ok

Aiuto :

  1. Sanofi nel mondo |
     
  2. Siti italiani |
     
  3. Azionisti |
  4. Contatti |
  5. Mappa del sito |
  6. Guida
  1. Dimensione Caratteri 

    Ridurre Aumentare  
 
 

News

Contatti

Se sei un giornalista, accedi all'area media

Contatto :

Il Diabete. Dieci Storie, cento bambini, mille maestre

Presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino (16-20 maggio 2013) un volume rivolto agli insegnanti per imparare a capire le esigenze dei bambini con diabete tra i banchi di scuola, realizzato con il supporto di Sanofi.

 

Torino, 17 Maggio 2013 - Per sensibilizzare sulla problematica del diabete in età infantile e pediatrica, soprattutto in ambito scolastico, Sanofi ha sostenuto in maniera incondizionata la realizzazione del volume "Il Diabete. Dieci storie, cento bambini, mille maestre" scritto dal Prof. Francesco Cadario, Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia della Clinica Pediatrica di Novara.

Il Volume – presentato il 17 maggio al Salone Internazionale del Libro di Torino presso il padiglione della Regione Piemonte – raccoglie dieci racconti sul tema “a scuola con il diabete” che sono stati scelti come “voce” degli oltre cento bambini in età delle scuole elementari e medie che sono in cura nell’ambulatorio dell’ospedale “Maggiore della Carità” di Novara. Accanto al racconto diretto dei bambini, è presente anche una sezione, chiamata “Safe at School”, rivolta agli insegnanti, per offrire loro supporto pratico nell’assistere e garantire la “sicurezza” degli alunni affetti da questa patologia.

Nelle scuole, dove i bambini trascorrono la maggior parte della loro giornata, interviene infatti il primo passo di integrazione nella società. È proprio a scuola che il diabete arriva come un “marchio” per qualche alunno, che vive il problema della diversità con i propri coetanei. Per superare questo impatto, essenziale è il ruolo degli insegnanti, che possono contribuire in maniera determinante nell’abbattere il pregiudizio che troppo spesso circonda le persone con diabete, di tutte le età, e che può essere particolarmente traumatico se non affrontato già in età infantile.

 

Data aggiornamento: 17 Maggio 2013