Quick Menu di navigazione :

  1. Vai al contenuto
  2. Vai alla sezione del menu principale
  3. Vai al motore di ricerca
  4. Vai al menu di aiuto
  5. Vai alla banner
  6. Vai alla lista di scorciatoie

Informativa: Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookieclicca qui . Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.Ok

Aiuto :

  1. Sanofi nel mondo |
     
  2. Siti italiani |
     
  3. Azionisti |
  4. Contatti |
  5. Mappa del sito |
  6. Guida
  1. Dimensione Caratteri 

    Ridurre Aumentare  
 
 

News

Contatto :

Cura, continuità, contesto: le 3 C per proteggere il cuore

In occasione della Giornata Mondiale per il Cuore, si tiene a Roma #ColCuore, un incontro-dibattito con esperti, pazienti, media e istituzioni per parlare di rischio cardiovascolare e impatto sul sistema socio-sanitario. Vengono presentati i dati di una ricerca GfK Eurisko su paziente ad alto rischio cardiovascolare, prevenzione primaria e secondaria e ruolo dell’ipercolesterolemia.

 

Il numero di persone che si ammalano ogni anno di patologie cardiocircolatorie è in costante aumento e l’impatto del rischio è significativo. Le malattie cardiovascolari rappresentano, infatti, la prima causa di morte in Europa. In Italia, secondo i dati del 2014 forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, ben 127.000 donne e 98.000 uomini muoiono ogni anno per ictus e per malattie del cuore, tra cui infarto e scompenso; inoltre, molte di queste morti avvengono prima dei 60 anni di età.
L’Istituto Superiore di Sanità stima che il 36% degli uomini e il 40% delle donne italiane siano affetti da ipercolesterolemia medio-alta (colesterolo totale maggiore di 240 mg/dL) e che più della metà della popolazione nazionale presenti valori maggiori di 200 mg/dL e, quindi, oltre la soglia di rischio.
 
In occasione della Giornata Mondiale per il Cuore, istituzioni, medici, pazienti e associazioni fanno il punto all’incontro-dibattito dal titolo “Il paziente ad alto rischio cardiovascolare e l’impatto sul sistema socio-sanitario” alla luce dei risultati di una ricerca GsK Eurisko, che ha coinvolto 770 persone considerate ad alto rischio cardiovascolare. Inquadramento del contesto epidemiologico, lavorativo e sociale, identificazione precoce del paziente e impostazione della cura più appropriata, e continuità intesa come aderenza terapeutica alla terapia. Queste le 3 C, identificate come base di una strategia congiunta ed efficace contro le patologie cardiovascolari. 
 
All’incontro sono presenti:
Senatore Andrea Mandelli e Onorevole Federico Gelli
Emmanuele Jannini – Cattedra di Endocrinologia e Sessuologia Medica, Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
Isabella Cecchini – Direttrice, Dipartimento Ricerche Salute, GFK EURISKO
Giuseppe Ciancamerla – Presidente, CONACUORE
Domenico Della Gatta – Presidente, Associazione Nazionale Ipercolesterolemia Familiare-ANIF
Francesco Fedele - Presidente, Federazione Italiana di Cardiologia-FIC
Francesco Saverio Mennini – Direttore, Centro per la Valutazione Economica e HTA (CEIS - EEHTA), Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
Massimo Piccioni - Coordinatore Generale Medico Legale, INPS-Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, Roma
Alessandra Favilli - Amministratore Delegato, HILL & KNOWLTON
Giuseppe Augello - Alberto Mazza, Fondazione FADOI
Alexander Zehnder, Presidente e Amministratore Delegato, Sanofi Italia
 
Moderano: Maria Rita Montebelli ed Emanuela Folco, Presidente, Associazione Fondazione Italiana per il Cuore

Data aggiornamento: 26 Settembre 2017