Quick Menu di navigazione :

  1. Vai al contenuto
  2. Vai alla sezione del menu principale
  3. Vai al motore di ricerca
  4. Vai al menu di aiuto
  5. Vai alla banner
  6. Vai alla lista di scorciatoie

Informativa: Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookieclicca qui . Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.Ok

Aiuto :

  1. Sanofi nel mondo |
     
  2. Siti italiani |
     
  3. Azionisti |
  4. Contatti |
  5. Mappa del sito |
  6. Guida
  1. Dimensione Caratteri 

    Ridurre Aumentare  
 
 

News

Menu sottosezioni :

Contatto :

#PerchéSì: BFree e VaxMeApp vincitori del contest e dell’hackathon

Hanno comunicato in modo autorevole, efficace, scientifico, social il valore dei vaccini. Il progetto BFree della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) è la migliore campagna di informazione scelta dalla giuria del contest #PerchéSì e VaxMeApp conquista il primo hackathon in Italia per sviluppare nuove modalità di comunicazione vaccinale.

 

BFree, progetto della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), è il vincitore del contest #PerchéSì. È stato premiato come migliore campagna di comunicazione sul tema dei vaccini sviluppata nel 2017 da operatori di sanità pubblica, università, centri di ricerca, mondo dell’associazionismo, società scientifiche, ASL e distretti sanitari.

A decretarne la vittoria la giuria di #PerchéSì il primo contest sulla corretta ed efficace comunicazione sui vaccini promosso da Sanofi Pasteur, divisione vaccini di Sanofi, che lo ha scelto tra i 54 progetti in gara. BFree è un progetto multimediale che nasce per aumentare la cultura della prevenzione e la consapevolezza sulle vaccinazioni e sulle meningiti, ma che abbraccia la salute del bambino a 360° e la prevenzione verso tutte le malattie infettive. 
 
 
Guarda il video dei 10 progetti finalisti 
     
 
HACKATHON
 

Il laboratorio #PerchéSì ha lanciato anche il primo hackathon dedicato alla comunicazione vaccinale in Italia. Il 20 giugno, trenta di giovani comunicatori si sono cimentati nella realizzazione di un progetto innovativo di comunicazione in ambito vaccinale, con il supporto dei dieci finalisti del Contest nel ruolo di mentor. 
      
VaxMeApp, che si è aggiudicato il primo posto, è una campagna che propone video ironici sul tema della vaccinazione, per attirare in rete i millennial e metterli in contatto con la corretta divulgazione scientifica, attraverso una specifica app e un gioco sul tema della prevenzione vaccinale.
VaxMeApp è sviluppato da un team di tre giovani studenti universitari: Giulia Bona, studentessa di Giornalismo e Comunicazione Istituzionale, Marco Piana, studente di Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media e Francesco Tritto, studente di Relazioni Pubbliche e Comunicazione d’impresa. 
  
I premi
Il progetto vincitore del contest riceve in premio un master intensivo in comunicazione in ambito sanitario e vaccinale presso la prestigiosa TAG Innovation School, scuola di formazione sulle competenze digitali promossa da Talent Garden. Al team vincitore dell’hackathon sarà offerto un viaggio-studio all’Institute of Interaction Design di Copenaghen, co-fondato e diretto da Simona Maschi, co-Presidente della giuria. 
 
 
IL CONTEST #PERCHESI
#PerchéSì è il primo contest promosso da Sanofi Pasteur, divisione vaccini di Sanofi, che premia le migliori campagne di comunicazione sui vaccini realizzate dagli operatori di sanità pubblica. #PerchéSì comprende due iniziative - un contest e un hackathon - e rappresenta un vero e proprio laboratorio di idee per fare rete sulla comunicazione in ambito vaccinale. Il contest premia le progettualità già realizzate; l’hackathon è un confronto aperto e un momento di co-creazione che coinvolge grafici, designer, startupper, studenti, neolaureati in comunicazione medico-scientifica e freelance legati al mondo del visual e del video, per declinare il tema in chiave comunicativa. Il progetto è partito a gennaio 2018 e ha visto la sua conclusione nelle giornate del 20 e 21 giugno con lo svolgimento dell’hackathon e con la premiazione del contest.