Quick Menu di navigazione :

  1. Vai al contenuto
  2. Vai alla sezione del menu principale
  3. Vai al motore di ricerca
  4. Vai al menu di aiuto
  5. Vai alla banner
  6. Vai alla lista di scorciatoie

Informativa: Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookieclicca qui . Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.Ok

Aiuto :

  1. Sanofi nel mondo |
     
  2. Siti italiani |
     
  3. Azionisti |
  4. Contatti |
  5. Mappa del sito |
  6. Guida
  1. Dimensione Caratteri 

    Ridurre Aumentare  
 
 

News

Contatto :

BooM-Health, la rivoluzione della mobile health: cura e prevenzione a portata di app

La salute a portata di clic. Perché la rivoluzione passa attraverso i device mobili. Appuntamento col nuovo #MeetSanofi lunedì 18 luglio alle ore 18.

 

Ad oggi sono oltre 100mila le app sulla salute, per quasi 2 miliardi di utenti di smartphone. Scenario, trend, opportunità, rischi della mobile health, ma anche idee geniali degli startupper con una via tutta italiana alla salute in mobilità: cinque storie di eccellenza e tre esperti per raccontare un futuro già presente. Appuntamento col nuovo aperitalk #MeetSanofi presso l’headquarter di Sanofi Italia in viale Bodio lunedì 18 luglio alle ore 18. Partecipazione gratuita ma previa registrazione online e valida fino ad esaurimento posti. Per ulteriori informazioni eventi@sanofi.com


M-health: numeri

Proprio ad inizio 2016 PharmaVoice ha segnalato la mobile optimization sul segmento salute come uno delle 10 grandi tendenze che segneranno l’industria delle scienze della vita nel corso di questo anno. E per MobilHealthNews 4 milioni di pazienti nel mondo saranno monitorati a distanza e aggiornati in remoto sulle loro condizioni di salute entro il 2020. Per l’Italia la fotografia è dell'Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano ed è aggiornata a maggio 2016: dai dati emerge come il 24% dei pazienti prenoti online visite ed esami, oltre la metà dei medici di medicina generale usi WhatsApp e come le ricette dematerializzate siano ormai sette su dieci.
E come sottolinea l’osservatorio, in un contesto che vede una spesa sanitaria tra le più basse d'Europa (3.077 dollari per abitante contro i 3.453 della media europea) gli investimenti per la digitalizzazione nella sanità in Italia si attestano a 1,34 miliardi di euro, pari all'1,2% della spesa sanitaria pubblica, circa 22 euro per abitante.


M-Health: trend

App che misurano la pressione, che monitorano la dieta, che calcolano il dosaggio di un farmaco in sala operatoria. La rivoluzione coinvolge tutti gli attori della filiera del pharma: pazienti con le loro associazioni, aziende farmaceutiche, prescrittori, clinici, operatori del settori.
Così la salute è sempre di più in tasca e – secondo i nuovi prodotti e servizi presentati al CES 2016 di Las Vegas – è anche sempre più al nostro polso, grazie a smartwatch intelligenti e braccialetti a LED. In ballo però non c’ solo appropriatezze delle informazioni, l’affidabilità dei parametri. In gioco ci sono anche l’analisi di big data in un mondo sempre più iperconnesso e una privacy che potrebbe essere sempre più minacciata.


#MeetSanofi: startupper ed esperti

Startupper, giornalisti, docenti, innovatori: all’evento interviene Mirco Bettelini con Igyno, il ginecologo virtuale via app tradotto in otto lingue nel mondo e da sempre nelle prime posizione nelle classifiche dell’AppStore. Nicolò Briante con l’elettrocardiografo portatile salva-cuore d-Hearth, che permette il monitoraggio cardiologico a basso costo grazie ad uno smartphone. Stefano Mazzei con Io Soccorro, app incentrata sul pronto intervento per arresto cardiaco, che ancora oggi causa in Italia 73mila morti all’anno, 80% fuori dall’ambiente ospedaliero. E ancora Piero Conte di FabLab per iNonni, app dedicata ai silver user, ovvero alla generazione dei “navigatori dai capelli d’argento”, e realizzata insieme a Zentiva del Gruppo Sanofi. Valentina Tessera col videogame educativo made in Sanofi Mission T1D, un viaggio divertente e istruttivo dedicato ai giovani pazienti con diabete di Tipo 1. Intervengono Jaime D’Alessandro (La Repubblica), Lella Mazzoli (direttore Istituto Formazione al Giornalismo e autrice “E-Health”, FrancoAngeli), Eugenio Santoro (Istituto Mario Negri). Introduce l’aperitalk Daniela Poggio, modera Giampaolo Colletti.

Data aggiornamento: 16 Giugno 2016