Quick Menu di navigazione :

  1. Vai al contenuto
  2. Vai alla sezione del menu principale
  3. Vai al motore di ricerca
  4. Vai al menu di aiuto
  5. Vai alla banner
  6. Vai alla lista di scorciatoie

Informativa: Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookieclicca qui . Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.Ok

Aiuto :

  1. Sanofi nel mondo |
     
  2. Siti italiani |
     
  3. Azionisti |
  4. Contatti |
  5. Press |
  6. Mappa del sito |
  7. Guida
  1. Dimensione Caratteri 

    Ridurre Aumentare  
 
 

Vincitori

Contatto :

“Salgo a fare due chiacchiere” vince il Premio Zanibelli 2016

Il libro di Cristina Petit, tratto da una storia vera, ha conquistato la giuria della quarta edizione del Premio letterario “Leggi in Salute – Angelo Zanibelli”. La storia, raccontata a più voci, è una testimonianza della forza che può scaturire da chi decide di prendersi cura degli altri. “Briciole di me” di Michela Boero è il libro vincitore per la categoria esordienti.

 

Luciano ha un incidente in moto ed entra in stato vegetativo. Irene, sua figlia, si ritrova da un giorno all’altro a fare i conti con un dramma, ma anche con una nuova realtà: quella dei ragazzi che fanno i volontari nel reparto in cui Luciano è ricoverato, ragazzi che regalano un po’ del loro tempo e della loro spensieratezza a chi ne ha più bisogno, ai malati ma soprattutto ai loro famigliari. E così, da un dramma, a volte può scaturire una forza inaspettata e si possono generare nuove amicizie, maggior consapevolezza e persino nuovi amori.

Il 4 ottobre, a Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia in Italia, Salgo a fare due chiacchiere di Cristina Petit è stato scelto tra le 63 opere in concorso dalla Giuria presieduta da Gianni Letta, con la partecipazione del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in qualità di Giurato d’Onore.

Primo posto nella categoria esordienti al libro “Briciole di me” di Michela Boero, storia di anoressia e di speranza, testimonianza di come si può uscire da quella gabbia lottando un giorno alla volta.

Premi speciali

  • Personaggio dell’anno in ambito sanitario a Beatrice Vio, campionessa del mondo per il fioretto alle paraolimpiadi di Rio 2016, per la determinazione, l’entusiasmo e capacità di guardare al mondo con un sorriso.

  • Il valore dell’industria farmaceutica tra 10 anni, a Emanuele Pieroni grazie a un elaborato sull’importanza della sostenibilità e delle nuove tecnologie per il comparto farmaceutico.

Menzioni speciali

  • Mario Melazzini, Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco, per il suo libro “Lo sguardo e la speranza.”

  • Roberto Riccardi, colonnello dei Carabinieri e scrittore, per il suo libro ”Il prezzo della fedeltà” dedicato alla storia del Maresciallo Giuseppe Giangrande.