Il valore nella nostra storia



Un’offerta articolata, consolidata e di valore

Sanofi risponde alle diverse esigenze di salute attraverso un’ampia gamma di soluzioni che interessano i principali ambiti terapeutici: dal cardiovascolare al sistema nervoso centrale,  le malattie infettive, i disordini psichiatrici, neurologici e renali, le malattie reumatiche e le patologie osteoarticolari, la medicina interna. 

Il valore dell’offerta di Sanofi sta nella forza dei prodotti maturi che, con la loro storia, rappresentano ancora oggi uno standard terapeutico riconosciuto in Italia e nel mondo. L’azienda si presenta agli stakeholder e ai protagonisti del sistema della salute con un portafoglio unico di prodotti e servizi in grado di assicurare continuità, accessibilità e sostenibilità.

In particolare, la Business Unit General Medicines di Sanofi Italia, si focalizza principalmente sui prodotti maturi. Opera per soddisfare al meglio tutte le esigenze di salute, offrendo  prodotti di qualità in grado di conciliare efficacia e sicurezza, garantendo al contempo l’accessibilità e la sostenibilità del sistema sanitario nel lungo periodo. 

Il valore del portfolio EP garantisce le risorse necessarie per investire in soluzioni terapeutiche innovative. 

In un contesto differenziato  

Il mercato dei prodotti maturi rappresenta una porzione importante del settore farmaceutico con quote che in alcune aree geografiche superano il 50% della madia nazionale italiana. 

In un contesto sempre più articolato e in continua trasformazione, l’azienda ha deciso di adottare un approccio dinamico e multicanale in grado di ascoltare, rispondere e dialogare con pazienti, medici, farmacisti, operatori del settore e figure istituzionali per creare un network virtuoso. 

Sanofi si impegna a coinvolgere e integrare tutti i canali, tradizionali e digitali, per migliorare e accrescere l’engagement dei propri interlocutori, la conoscenza dei prodotti e le loro condizioni d’impiego così da stimolare un dialogo sempre più aperto e trasversale con le istituzioni del Servizio Sanitario Nazionale. 

Le soluzioni che hanno fatto la storia di Sanofi 

Enoxaparina

Oggi il prodotto più richiesto di Sanofi. È l’unica eparina a basso peso molecolare (EBPM) ad essere indicata per la profilassi tromboembolica nei pazienti “non-chirurgici”, oltre ad avere l’indicazione per il trattamento della Trombvosi Venosa Profonda e l’Embolia Polmonare e la loro prevenzione in chirurgia ortopedica, generale ed oncologica.  Enoxaparina ha inoltre dimostrato sostanziali benefici clinici  rispetto all’eparina non frazionata nella gestione delle sindromi coronariche acute. Nell’ambito della sua classe è l’EBPM che presenta il maggior numero di  indicazioni approvate.

Clopidogrel

Farmaco cardine nella malattia aterotrombotica in oltre 100 paesi, il Clopidogrel deve il successo e la longevità alla sua provata efficacia nel prevenire eventi tromboembolici in pazienti con pregresso infarto miocardico o affetti da arteriopatia obliterante periferica, con un profilo di tollerabilità favorevole. In associazione fissa con l’acido acetilsalicilico (ASA) è inoltre indicato nella prevenzione di eventi tromboembolici, incluso l’ictus, nei pazienti con fibrillazione atriale. La doppia terapia antiaggregante (Clopidogrel e ASA) ha favorito lo sviluppo della Cardiologia di Intervento permettendo le procedure di rivascolarizzazione coronarica con impianto di stent nei pazienti affetti da Sindromi Coronariche Acute.

Ramipril

Primo e unico antipertensivo che ha dimostrato di ridurre la mortalità cardiovascolare indipendentemente dall’abbassamento della pressione arteriosa. Vanta numerosi studi clinici tra cui lo studio Hope, considerato una pietra miliare della ricerca sull’ipertensione arteriosa.  Ad oggi, è l’unico ACE-inibitore ad avere sei indicazioni terapeutiche autorizzate ed essere il più utilizzato dalla classe medica.

Teicoplanina

Da oltre 20 anni, questo antibiotico appartenente alla classe dei glicopeptidi rappresenta un’arma importante a disposizione del medico per il trattamento delle infezioni gravi sostenute da batteri gram-positivi. La possibilità di essere somministrato anche per via intramuscolare, consente ai pazienti di continuare la terapia impostata in ospedale a domicilio con una riduzione dei disagi derivanti dall’ospedalizzazione oltreché dei costi della spesa sanitaria.

Insulina Glargine

Attualmente l’insulina basale più utilizzata in Italia e tra le più utilizzate nel mondo. Si tratta della prima insulina basale in soluzione, dopo circa 50 anni di utilizzo di insuline NPH (sospensione). L’insulina glargine è stata la prima “vera” insulina basala nella storia della terapia del diabete mellito e ha consentito, inoltre, una copertura delle 24 ore con un’unica somministrazione giornaliera e una sensibile riduzione delle ipoglicemie, in particolar modo quelle notturne.

Valproato di Sodio

È tra i farmaci antiepilettici più noti e utilizzati sia per le numerose evidenze cliniche, sia per i dati di letteratura che lo caratterizzano che per la vasta gamma di formulazioni disponibili. Il Valproato rappresenta anche un medicinale di riferimento nella terapia dei pazienti affetti da disturbo bipolare per la sua efficacia come stabilizzatore dell’umore. In Italia rappresenta il 25% della quota di mercato degli antiepilettici/stabilizzanti dell’umore.

Furosemide

Nato negli anni ’70, è un diuretico dell’ansa indicato nel trattamento degli edemi a genesi cardiaca, renale ed epatica. La sua introduzione nella pratica clinica ha segnato una svolta nella terapia dell’insufficienza cardiaca e delle sindromi edemigene in genere.

Docetaxel

Chemioterapico di riferimento negli schermi più recenti di trattamento del tumore della mammella nella sua forma precoce e avanzata. Pilastro del trattamento del cancro al polmone avanzato. È stato il primo chemioterapico ad aprire una nuova strada per il trattamento del tumore alla prostata resistente alla castrazione prima del quale l’unica cura era la best supportive care.  Nella malattia prostatica in fase precoce docetaxel ha permesso di ottenere un beneficio di sopravvivenza tra i più importanti nella storia dell’oncologia moderna. Docetaxel ha inoltre contribuito in modo importante a migliorare il trattamento dei pazienti con tumore dello stomaco e dei pazienti con tumore della testa e del collo; tutt’oggi rappresenta, inoltre, lo standard di riferimento richiesto dalle autorità regolatorie mondiali come confronto per la registrazione di nuovi trattamenti biologici e target.

Oxaliplatino

L’Oxaliplatino è globalmente riconosciuto come il più importante chemioterapico utilizzato per il trattamento del cancro al colon-retto, l’unico ad aver dimostrato notevole efficacia sia nei pazienti in stadio avanzato, che in quelli in fase precoce, dove rappresenta lo standard di riferimento nonostante l’avvento di numerosi farmaci biologici e target. Oxaliplatino apporta un impatto significativo nella gestione e nell’outcome di questa malattia annoverata tra i big killers a livello mondiale. È tutt’oggi lo standard di riferimento richiesto dalle autorità regolatorie mondiali come confronto per la registrazione di nuovi trattamenti biologici e target.