dottoressa

Oncologia

Sanofi è consapevole del grande impatto che le patologie tumorali hanno sui pazienti e su chi si prende cura di loro. L’incessante impegno che l’azienda mette nel far progredire la ricerca scientifica è pari solo alla sua determinazione nel portare soluzioni ai pazienti.

Grazie alla propria storia ed esperienza nella ricerca di trattamenti per numerose patologie oncologiche, Sanofi ha oggi l'ambizione di fornire supporto ai pazienti che stanno combattendo cancro attraverso la scoperta e lo sviluppo di farmaci con una solida base scientifica e tecnologie innovative.

L’impegno di Sanofi in oncologia

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il cancro sia la seconda causa di morte a livello globale e che ci siano più di 100 diversi tipi di cancro che utilizzano diverse tecniche per sopravvivere e ingannare il sistema immunitario, incluse mutazioni genetiche.1  
L’impegno in ricerca dell’azienda si concentra su quattro aree principali: tumori cutanei, tumori del sangue, cancro al seno e carcinoma polmonare. Due gli approcci: immuno-oncologia e oncologia molecolare

In immuno-oncologia, la ricerca di Sanofi punta ad individuare i meccanismi profondi della resistenza alle immunoterapie, molecole che stimolano il sistema immunitario del paziente ad attivarsi contro il tumore. Il sistema immunitario è la prima strategia di difesa dell’organismo contro le cellule maligne, ma spesso i tumori sono talmente organizzati ed efficaci da ingannare il sistema immunitario e sfuggire al controllo. Le molecole in studio puntano a inibire la capacità del tumore di nascondersi e, al contempo, a consentire alle difese immunitarie di attaccare le cellule tumorali.

L’approccio basato sull’oncologia molecolare include: terapie mirate che puntano a sfruttare le mutazioni genetiche presenti nei tumori ma non nelle cellule sane; farmaci che sopprimono i tumori indotti dagli ormoni; e molecole che rilasciano i farmaci antitumorali all’interno dei tumori, riducendo al minimo l'esposizione sistemica e risparmiando i tessuti sani.
Ci sono milioni di pazienti in tutto il mondo che stanno combattendo contro il cancro e hanno bisogno di nuove opzioni di trattamento. Le loro storie ispirano e rafforzano la determinazione di Sanofi a far avanzare la scienza per portare nuove soluzioni ai pazienti.

When Cancer Grows Old

Con l’aumentare dell’aspettativa di vita, aumenta la probabilità di dover affrontare una patologia tumorale. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si potrebbe assistere ad un aumento delle patologie tumorali a livello mondiale del 60% nei prossimi vent’anni.2  
Lanciata in occasione del World Cancer Day 2020 (4 febbraio), l'iniziativa di Sanofi When Cancer Grows Old mira ad affrontare le sfide del cancro e dell'invecchiamento attraverso collaborazioni innovative e soluzioni creative. L’obiettivo è consentire a tutte le persone che affrontano un tumore di vivere una vita piena, indipendentemente dall’età, e di invecchiare nel miglior modo possibile.
Come parte di questa iniziativa, Sanofi si è impegnata in una collaborazione pluriennale con l'Unione per il Controllo Internazionale del Cancro (UICC). 
L’azienda ha inoltre avviato una collaborazione con The Economist Intelligence Unit volta a identificare i vuoti legislativi in tema di invecchiamento e patologie oncologiche e quantificare la portata delle urgenze. Il report che ne è derivato Cancer and Ageing: Policy Responses to Meeting the Needs of Older People indaga le politiche esistenti, avvalendosi della consulenza di esperti provenienti da Paesi europei, dal Giappone e dagli Stati Uniti. Il risultato è una serie di considerazioni che possono aiutare la società a rispondere meglio alle sfide che una popolazione sempre più anziana deve affrontare nel proprio percorso di assistenza e cura per patologie tumorali.

L’impegno di Sanofi in ematologia

I tumori del sangue e i disturbi rari del sangue sono alcune delle malattie più difficili da trattare e spesso i pazienti hanno a disposizione opzioni terapeutiche limitate. Sanofi si impegna a migliorare in modo significativo la salute e la vita delle persone con patologie ematologiche.
In queste aree terapeutiche, Sanofi si concentra su una serie di malattie in cui i pazienti necessitano di nuove opzioni di trattamento, tra cui l'emofilia, la malattia da crioagglutinine, la porpora trombotica trombocitopenica acquisita e il mieloma multiplo.
Il mieloma multiplo, in particolare, rappresenta ancora una sfida terapeutica considerevole. Si tratta di un tumore del sangue difficile da trattare, progressivo, complesso e dal quale non si guarisce. Le persone che ne soffrono continuano generalmente a presentare recidive nel tempo, nonostante ripetuti cicli di trattamento, verso i quali spesso diventano refrattari. Questi pazienti hanno bisogno di nuove opzioni di trattamento oppure di nuovi approcci al trattamento. Su questo fronte, Sanofi sta studiando anticorpi di nuova generazione che attivano il sistema immunitario dell’organismo e lo educano ad attaccare le cellule tumorali.

No One Left Out

Ogni anno a quasi 140.000 persone viene diagnosticato il mieloma multiplo. L’impegno di Sanofi è quello di supportare al meglio tutti i pazienti e rispondere ai loro bisogni insoddisfatti.
Per questo, l’azienda ha dato vita alla piattaforma No One Left Out con la quale intende garantire l'inclusione e l'uguaglianza dell'intera popolazione di pazienti. Collaborando con operatori sanitari, pazienti e caregiver, l’azienda intende incoraggiare lo sviluppo di politiche innovative mirate a migliorare il percorso di assistenza e cura dei pazienti affetti da mieloma multiplo, con un approccio integrato.
Sanofi si impegna ad avere un costante e aperto dialogo con gli stakeholder perché non ci sia disparità di accesso dei pazienti alle terapie innovative, anche alla luce del fatto che il mieloma multiplo viene diagnosticato con maggiore frequenza nelle persone di età compresa tra i 65 e i 75 anni: è importante che i sistemi sanitari affrontino le esigenze di questa popolazione di pazienti che richiedono un'ampia assistenza anche a livello territoriale.

1 Cancer. World Health Organization. Pubblicato il 12 settembre 2018. Visitato il 12 dicembre 2020.
2 World Health Organisation https://www.who.int/news/item/04-02-2020-who-outlines-steps-to-save-7-million-lives-from-cancer, 4 febbraio 2020. Visitato il 20 novembre 2020.

Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più
OK