cover hero

Intervista a Monica Rossi

«Per me la parte più difficile è avere una buona idea. Cercare di comunicare uno stesso messaggio a più persone che hanno vissuti e pensieri diversi non è mai semplice. Come prima cosa cerco di elaborare un'immagine che possa essere chiara ed efficace. Poi "mi rilasso" con il segno e il colore». Intervista a Monica Rossi, che ha illustrato la copertina del nuovo MySanofi Magazine.

Monica Rossi

Monica Rossi nasce a Reggio Emilia dove vive e lavora. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Bologna prima e alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia poi. Nel 2018 ha esordito come fumettista con una storia breve contenuta nell’antologia Materia Degenere edita da Diabolo Edizioni. Attualmente lavora principalmente come illustratrice e colorista. Tra le realtà con cui ha collaborato ci sono Solferino Editore, Corriere della Sera, La Stampa e Parapiglia Edizioni. 

Ciao Monica, ci racconti il lavoro che hai realizzato per Sanofi? Come ti è venuta l’idea per realizzarlo?
Avere una buona intuizione per me è sempre la parte più complicata del lavoro. Per elaborare questa cover sono stati molto utili gli spunti che mi avete dato riguardanti il lavorare tutti insieme per un bene comune. Mi piaceva molto l'idea di rappresentare il senso di comunità che un po' si è perso nella società di oggi. a volte anche nell'ambito scientifico.

Le illustrazioni sembrano aver conquistato oggi uno spazio importante su quotidiani e riviste nazionali e internazionali, sostituendo spesso le immagini fotografiche. Come te lo spieghi?  
L'illustrazione è un mezzo di comunicazione potentissimo che in confronto alla fotografia non ha limiti. Si possono rappresentare cose reali ma anche cose fantastiche semplicemente con un foglio e una matita. Inoltre è il mezzo di comunicazione più antico del mondo. Quindi penso che in realtà non abbia conquistato uno spazio di recente ma che l'illustrazione ci sempre stata. Solo, forse oggi stiamo ricominciando ad apprezzarne il grande potenziale.

Qual è il tuo approccio come illustratrice? Come nascono i tuoi lavori?
Come dicevo, per me la parte più difficile è avere una buona idea. Cercare di comunicare uno stesso messaggio a più persone che hanno vissuti e pensieri diversi non è mai semplice. Come prima cosa cerco di elaborare un'immagine che possa essere chiara ed efficace. Poi "mi rilasso" con il segno e il colore.

Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più
OK