Redisigning Life: la fotografia sul futuro della salute

In occasione dello StartupItalia Open Summit (#SIOS19) Sanofi ha presentato i risultati di Redisigning Life, il progetto di co-creazione sul futuro della salute che comprende anche la prima survey italiana che ha coinvolto tutta la filiera della salute.

Redisigning Life SIOS19

Teleassistenza e assistenza domiciliare integrata (21%), smartphone e app (19%), welfare integrativo e assicurazioni istantanee (17%), farmacia dei servizi (9%): sono queste le parole chiave che avranno il maggiore impatto sul futuro della salute. A dirlo è il campione di 500 partecipanti alla survey Redisigning Life, tutti professionisti del settore farmaceutico, startup, centri di ricerca e associazioni pazienti. 

La fotografia sul futuro della salute
Per il campione coinvolto la sostenibilità del sistema sanitario nazionale resta la priorità (31%), seguita dalla medicina personalizzata (21%), dalla lotta a disinformazione e fake news (18%) e dalla necessità di una corretta prevenzione (18%). Il coinvolgimento attivo del paziente anche nello sviluppo di soluzioni a supporto è importante per il 12% del campione, mentre solo il 3% scommette sulla disintermediazione della relazione medico-paziente, segno di una necessaria centralità del rapporto di fiducia tra esperto e paziente. Opinioni contrastanti tra le patologie che avranno un maggiore impatto sul SSN nel prossimo futuro: il campione segnala quelle neoplastiche e del metabolismo (incluso il diabete) col 21%. E poi quelle degenerative del sistema nervoso centrale (19%) e quelle cardiovascolari (18%). Per poi arrivare a quelle del sistema immunitario (9%) e quelle infettive (7%) e quelle rare (5%). Il paziente è la figura che subirà le maggiori evoluzioni e i cambiamenti più radicali legati alla trasformazione digitale: lo certifica il 21% del campione. A seguire c'è il medico di medicina generale (15%), il professionista dell'industria farmaceutica (15%), lo specialista (11%), il farmacista (10%), il caregiver (7%). Tra gli attori che più di altri stanno intrepretando in modo efficace e contemporaneo il futuro della salute ci sono le startup e le aziende farmaceutiche a guidare la classifica col 18%. A seguire le realtà assicurative e legate al comparto del welfare integrativo col 16%, i centri di ricerca col 15%, i poliambulatori specialistici col 9%. 

Co-creazione con l’hackathon 
La migliore innovazione è l’ascolto. Anche nella salute. Con questo spirito in Sanofi Italia è nato Redesigning Life, un format di co-creazione che ha coinvolto i collaboratori di Sanofi, i pazienti, i clinici, le istituzioni, gli startupper e tutti i portatori di interesse della filiera allargata della salute. Il nome del progetto, portato avanti anche con un hackathon insieme alla startup innovativa Tree, nasce dalla copertina dell’Economist della primavera 2019 dedicata proprio al futuro della salute. Il progetto si è concretizzato in un hackathon realizzato nell’headquarter di Sanofi Italia che prevedeva quattro sfide in quattro aree terapeutiche. 

economist cover

Confronto: il workshop a #SIOS19                                         
Qualità delle cure, ricerca di terapie innovative, eccellenza del personale sanitario e dei professionisti della salute. Ma anche spending review periodiche e disomogeneità territoriale nell’accesso ai servizi per una popolazione sempre più anziana e con più patologie croniche. Come può oggi declinarsi tutto questo con le tecnologie digitali immersive, pervasive e mobili? 
Di tutto questo e dei risultati della survey con le risposte di chi lavora ogni giorno nella filiera della salute si è parlato lunedì 16 dicembre in Università Bocconi a Milano nel workshop Redesigning Life, all’interno dello StartupItalia Open Summit 2019 #SIOS19.

 
 

Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più
OK