Co-somministrazione vaccino antinfluenzale e vaccino anti-COVID-19: da Sanofi Pasteur il primo studio con i dati positivi a supporto

È il primo studio con evidenze scientifiche positive in termini di risposte anticorpali e di profilo di sicurezza a supporto della somministrazione concomitante di vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio con la terza dose di vaccino anti-COVID19 mRNA

vaccino

All’esordio di una stagione influenzale che secondo quasi tutti gli analisti dovrebbe essere “senza precedenti” anche per via della variabile legata all’emergenza pandemia e dei richiami del vaccino anti-COVID19, arrivano i risultati preliminari del primo studio descrittivo di co-somministrazione del vaccino quadrivalente ad alto dosaggio di Sanofi Pasteur con la terza dose di vaccino COVID-19 mRNA. I risultati mostrano che la somministrazione contemporanea dei due vaccini è risultata sicura, ben tollerata e con una adeguata risposta anticorpale pari a ciascun vaccino somministrato singolarmente e rafforzano le raccomandazioni della somministrazione contemporanea dei due vaccini anche in Italia.
 
«Questo studio dimostra come in un periodo storico senza precedenti come quello che stiamo vivendo, ancora segnato dall’emergenza sanitaria della pandemia e con la nuova stagione influenzale alle porte, abbiamo necessità di risposte puntuali, rapide e concrete sulla gestione ottimale ed efficace delle campagne di vaccinazione. Questo è il primo studio che ha permesso di produrre evidenze scientifiche positive in termini di risposte anticorpali e di profilo di sicurezza, a supporto della somministrazione concomitante del vaccino antinfluenzale ad alto dosaggio con la terza dose di vaccino anti-COVID19. Questi risultati vanno nella direzione di facilitare lo svolgimento delle campagne di vaccinazione al fine di garantire una protezione ottimale per la popolazione ad alto rischio», afferma Francesca Trippi, Medical Head di Sanofi Pasteur. «Mai come in questa stagione è ancora più essenziale aiutare a proteggere gli adulti più anziani, che sono a rischio particolarmente elevato sia per il COVID-19 che per le complicazioni dell'influenza, che possono includere attacchi cardiaci e ictus. Questo è il primo studio che fornisce prove a sostegno della vaccinazione contro l'influenza in concomitanza con un richiamo di COVID-19 mRNA negli anziani. Questi risultati positivi potrebbero facilitare l'implementazione di campagne di vaccinazione contro l'influenza e il richiamo COVID-19 nell'emisfero settentrionale, specialmente in questa fascia di popolazione ad alto rischio», afferma Michael Greenberg, responsabile medico Sanofi Pasteur Nord-America
 
Per saperne di più leggi il comunicato stampa

 

Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più
OK